La loro natura è troppo violenta. Uno di loro ha quasi staccato il braccio di un uomo. Sono cresciuti con questo carattere, a volte sottovalutati dai padroni stessi…

Queste sono le “giustificazioni” per proseguire con la soppressione di Zorro così come è già successo per Argo…

La ferocia è la loro condanna e li mette davanti a un bivio: una vita chiusa dentro una gabbia grande non più di tre metri quadrati oppure la … E per entrambi è stata scelta la seconda opzione.
Il primo, Argo, pastore maremmano, l’iniezione letale è già stata eseguita a Scarlino. Per il secondo, Zorro, dogo argentino, manca ancora la chiusura della procedura burocratica.
La Lav (lega antivivisezione) ha annunciato una denuncia nei confronti di Maurizio Bizzarri, sindaco di Scarlino, diffidando Lidia Bai, primo cittadino di Massa Marittima, a procedere.

Foto: puramente casuale

 

I correlati