Torna a casa, Lassie! Questa è una di quelle storie che “scaldano il cuore” e a raccontarla è Barbara Vittori, Direttore Generale della Meridiana Cooperativa Sociale e Presidente dell’Associazione Argo.

 

«Nella mattinata di domenica – scrive – il servizio veterinario accalappia e ricovera nel canile comunale di Macerata un border collie, maschio, piuttosto anziano, con le zampe posteriori semi-paralizzate. Il è stato rinvenuto nel mezzo di un campo in zona Montanello di Macerata. Considerate le temperature di questi giorni ed il suo stato di salute molto compromesso, probabilmente, il sarebbe morto in poco tempo, se non ricoverato. Invece i servizi funzionano e il arriva in canile.
Operatori della Meridiana Cooperativa Sociale e volontari dell’Associazione Argo si prendono subito cura di lui, mentre i competenti uffici della Asur rintracciano il proprietario, dopo aver constatato che l’animale ha un microchip. Il giorno successivo, al canile non arriva “il classico” proprietario che ha smarrito un da qualche giorno, ma un intera famiglia di 7 persone incredule, di cui quattro bambini, per poter finalmente riabbracciare Rocco, il loro border collie scomparso a Tolentino proprio in questo stesso periodo, nei giorni precedenti il Natale, ma dell’anno 2003.

Sono passati ben 9 anni e di quel , tanto cercato e pianto, nessuna notizia sino a questo momento. Dove è stato in tutti questi anni? E con chi? E come ci è finito in quel campo con le zampe posteriori così malandate?

Indescrivibile la scena che si è vissuta al canile; l’emozione, gli abbracci, le lacrime di gioia dei familiari ed operatori presenti all’incontro. Una famiglia intera che per tantissimo tempo aveva cercato il proprio scomparso, ora lo aveva di nuovo lì davanti.
Ma la scena più sorprendente e struggente è quella che offre Rocco. Gli animali, infatti, molto spesso, con la loro grande capacità di amare, riescono a stupire.
Sin dal momento del suo arrivo in canile, seppur curato, alimentato e protetto da una calda coperta, il appare triste e sofferente, distaccato dall’ambiente circostante e poco comunicativo. Gli operatori e volontari sanno bene che per qualsiasi l’arrivo in canile è sempre e comunque un trauma che necessita del proprio tempo per essere “metabolizzato” dal . Per questo Rocco viene lasciato tranquillo in un box da solo, in osservazione.

Eppure, all’arrivo della famiglia, Rocco riconosce quelle persone e, nella commozione generale, anche lui piange. Prova ad alzarsi, inizia a “trascinare” le zampe posteriori facendo leva sulle anteriori per andare loro incontro. Sembra davvero la scena di un film.
Poche parole e tutte di gioia; poi le pratiche burocratiche per la riconsegna del ; infine Rocco che preso in braccio ed aiutato da tutti sale sull’auto con la famiglia per tornare finalmente a casa.
Proprio quest’anno Meridiana Cooperativa Sociale ed Associazione Argo festeggiano il decennale della gestione del canile comunale di Macerata; una gestione che grazie al quotidiano impegno di operatori e volontari, ogni anno consente a circa 100 cani dispersi o abbandonati di poter tornare in famiglia.
Così, la storia di Rocco, di 12 anni di età, che torna a casa per Natale, dopo 9 anni di mistero, sarà l’ennesimo bel ricordo che va ad arricchire lo scrigno delle emozioni indimenticabili di chi lo ha salvato. Grazie».

 

I correlati